︎︎︎ BELLA D'AREZZO





Le piante madri sono state ritrovate nella Val Tiberina toscana ed è ancora reperibile nelle colline tra l’Umbria e la Toscana. Il nome è dato dalla sua diffusione, anche se non ne conosciamo l’origine, quasi sicuramente nella provincia di Arezzo. L’albero è mediamente vigoroso e rustico, a portamento espanso, molto produttivo. La fioritura è intermedia, nella prima decade di aprile. È autoincompatibile. Il frutto è di pezzatura media grande, di forma cuoriforme depressa, con cavità peduncolare ampia e il picciolo lungo e di media grossezza. Il colore della buccia è rosso intenso, con punteggiature evidenti. La polpa è di colore rosso, di buona consistenza, aderente al nocciolo. Di ottimo sapore, dolce e aromatica. La maturazione è tendenzialmente tardiva, alla fine di giugno, ma è alquanto scalare. È abbastanza resistente alla manipolazione e al trasporto. Buone anche essiccate al sole, possono essere conservate ed utilizzate per aromatizzare arrosti o altri piatti.
The mother plants of this variety were found in the Tuscan Tiber Valley and trees can still be found in the hills between Umbria and Tuscany. Its name comes from the province of Arezzo, where it is believed to have been widespread, though its origin is not known. The tree is moderately vigorous, hardy, with spreading habit and very productive. It flowers intermediately, in the first ten days of April. It is not self-fertile. The fruit is a medium-to-large sized fruit, with a depressed heart-shape (cordate), a wide petiole cavity and a long stem of medium thickness. The color of its skin is an intense red and markedly dotted. Its flesh is red, firm and clingstone. It has a excellent, sweet and aromatic flavor. Ripening time tends to be late, at the end of July, but is rather progressive. It travels quite well and does not bruise. Preserved in syrup or made into jam, these cherries are, as they once used to say, “tantalizing for the mouth and stimulating for the appetite” surely these cherries “make ideal gifts and purge the stomach”. They are also good when dried in the sun and then used to aromatize roasts and other dishes.